Santobono di Napoli e Moscati di Avellino: attivato un ambulatorio per la fertilità dei pazienti oncologici

1' di lettura 07/10/2021 - Grazie alla collaborazione tra Azienda ospedaliera Santobono-Pausilipon di Napoli e San Giuseppe Moscati di Avellino è stato attivato un ambulatorio per la tutela della salute riproduttiva dei pazienti oncologici di età pediatrica e adolescenziale.

Si tratta, come sottolineato dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, intervenuto ieri alla cerimonia inaugurale, di "un progetto di grande civiltà e umanità, frutto di una sinergia tra esperienze di avanguardia che vengono estese ad altri territori, con spirito di collaborazione e aiuto reciproco".

Il nuovo servizio è stato avviato all'interno del Dipartimento di Onco-ematologia Pediatrica del Santobono, diretto da Giuseppe Menna: qui gli specialisti dell'Unità operativa di Fisiopatologia della Riproduzione dell'Azienda Moscati, diretta da Cristofaro De Stefano, garantiranno una costante consulenza ai pediatri che hanno in cura i piccoli pazienti oncologici, a completamento e integrazione dei percorsi di crioconservazione delle cellule riproduttive per la preservazione della fertilità. I casi specifici di malati oncologici di età compresa tra i 6 e 21 anni che rischiano la perdita della futura capacità riproduttiva a causa di interventi chirurgici invasivi o di chemioterapie saranno trattati nell'Azienda Moscati, hub regionale per la oncofertilità.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 07-10-2021 alle 15:26 sul giornale del 07 ottobre 2021 - 1 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cm85